Flow training martialia fluens motus

Addestramento flusso libero alternanza movimenti lenti fluidi veloci elastici

自由流動 氣功

MFM) Martialia Fluens Motus movimenti marziali di flusso libero per facilitare la rigenerazione psicofisica indurre stati psicofisici di piacevole armonia.
Nell’ esecuzione libera si esprimono sequenze miste di discipline varie movimenti spontanei generati che inducono sensazione di liberazione da blocchi psicofisici a fasi più esplosive tipici della boxe delle ombre, a fasi di stato meditativo dinamico che esprimono uno stato di piacevole quiete.
Un mix di arti di combattimento e qi gong 氣功 e yoga योग

 

Sapere di più…

Addestramento all’aperto L’importanza di praticare all’aria aperta

La magia è credere in noi stessiSe riusciamo a farloallora possiamo far accadere qualsiasi cosa
Johann Wolfgang von Goethe

Entrare in contatto con un contesto naturale amplifica il potenziale del nostro campo vitale.

img_20180325_193952_469685952021Praticare all’aria aperta consente una maggiore ossigenazione e rafforzamento dei muscoli, contemporaneamente si innescano processi di rafforzamento delle difese immunitarie e di riduzione dei radicali liberi rallentando lo sviluppo
dell’ invecchiamento
Dall’esposizione alla luce solare ricaviamo una buona quantità di questa vitamina, che viene trasformata dal nostro corpo in una forma di vitamina D superattiva utile nella prevenzione di numerose sintomi stimolando  l’attività del sistema immunitario.

saperne di più…

Calcio d’arresto stop kick

 

lutteur

La tecnica di esecuzione dello chassé bas, colpo sferrato sia con l’arto inferiore avanzato che arretrato sugli arti inferiori dell’avversario dirigendosi come bersaglio dal busto sino alla tibia, utilizzando il tallone o la pianta del piede, denota un antica origine attestata in una statuetta di un lottatore di pancrazio , statuetta in bronzo raffigurante un lottatore presso il Louvre, dopo essere stato scoperto a Autun, in Saône-et-Loire, reso con particolare verve, con la muscolatura imponente , generata delle lunghe ore dedicate all’allenamento intensivo. La testa appare quindi proporzionalmente piccola rispetto al resto del corpo….

saperne di più chasse bas calcio basso di stop un’ antica origine

PoliMi Boxe

PoliMi boxe Dojo RuanDojo Ruan è un luogo ideale di ritrovo per gli studenti universitari appassionati di rudimenti pugilistici , di tecniche di difesa personale, di preparazione fisica e psicofisica
yoga flow,  Qi gong 氣功 ed altro….

K1 Dojo Ruan Boxing

La nascita del K-1 e del suo regolamento è attribuibile all’ organizzazione giapponese Fighting and Entertainment Group (FEG) che da il nome anche al medesimo torneo.Questa disciplina fu inventata da Kazuyoshi Ishii, un atleta di kyokushinkai che nel 1980 creò la scuola di Seido-kaikan karate. Riuscì ad organizzare diversi incontri di successo contro altre scuole di arti marziali basandosi originariamente sulle regole del karate Kyokushin knockdown ma vennero adottate gradatamente le regole della Kickboxing. Nel 1993 Kazuyoshi Ishii decise di fondare il K-1 basandosi sulle regole della Kickboxing, restando legato allo Seido-kaikan anche se in maniera indipendente.
L’idea principale era quella di creare una variante alla Kick Boxing e allo stesso tempo di eliminare la “staticità’” del clinch della Thai Boxe.
il K-1 Rules  è simile alla Kick Boxing, eccezion fatta per le ginocchiate che sono permesse pero’ solamente di prima intenzione e cioè senza clinch e senza trazionamento della testa dell’avversario.

Blog su WordPress.com.

Su ↑